Crea sito

 

IMSA Italia: Convegno nazionale 2020

PREFAZIONE

Il Convegno Nazionale dell’Istituto Maria SS. Annunziata – dal 3 al 5 gennaio 2020 – si è tenuto a Roma presso la casa “Casa di Esercizi Spirituali dei SS. Giovanni e Paolo” dei padri Passionisti situata sul Celio. Questa struttura, nata per intuizione di san Paolo della Croce, è stata la prima casa per gli Esercizi Spirituali. Il tema da approfondire è stato la ruota paolina della Povertà. Nei prossimi anni saranno trattati le altre tre ruote: preghiera, studio e apostolato. Ci sono molti modi di affrontare il tema della Povertà, che – secondo l’indicazione del Primo Maestro a don Costa – «è l’ultima ruota del carro, ma pur necessaria», quindi non se ne può far a meno. Si può intendere come uno dei tre voti, come fiducia nella Provvidenza, ecc. Inoltre è uno stile di vita: la Povertà si può vivere come i francescani, che sono un ordine mendicante, come segno di abbandonare il mondo come gli eremiti… o come i benedettini, come i gesuiti o come fiducia nella Provvidenza come il santo Cottolengo, ecc. Il Fondatore ne parla molto spesso e da diversi punti vista, ma non c’è ancora uno studio esaustivo sulla povertà paolina, così si è pensato di allegare, come appendice, l’istruzione del Primo Maestro sulla Povertà degli Esercizi del 1960: la trattazione più completa di don Alberione sul tema. Al Convegno la relazione principale – da seguire per lo studio – è stata, “La Povertà, ricchezza della Famiglia Paolina” di Eugenia Manente, imsa. Quest’anno anche la Lettera del Superiore Generale, don Valdir De Castro, è anche sullo stesso argomento. Senza dimenticare che anche i pensieri quotidiani dell’Agenda Paolina sono sullo stesso tema. Inoltre anche i temi dei ritiri mensili sono centrati sulla Povertà, prendendo spunto da come i santi hanno incarnato nel loro tempo gli insegnamenti evangelici sulla Povertà. La relazione di Eugenia– molto apprezzata al Convegno – ci invita a riflettere su tre modelli concreti e per noi imprescindibili della Povertà: Gesù Maestro nei Vangeli (Cristo povero che evangelizza i poveri); San Paolo nella prima Chiesa (povertà ma lavorando con le proprie mani); don Alberione nel nostro tempo (la povertà che “produce” che “moltiplica, che ci fa ricchi di Dio). La seconda relazione, anche questa molto apprezzata, che prende spunto dalla ricorrenza dei 60 anni di Approvazione Pontificia, è un contributo di don Domenico Cascasi, ssp, per delineare la “Storia degli Istituti Paolini Secolari Aggregati alla Società San Paolo”. È utile conoscere la storia degli Istituti Paolini di Vita Consacrata nel loro insieme, perché anche se hanno avuto cammini differenti, sono stati pensati insieme dal Fondatore e insieme hanno ricevuto l’Approvazione Pontificia. Conoscere la propria storia significa conoscere meglio noi stessi: senza la memoria la nostra identità illanguidisce. La storia non è fatta solo di documenti, è costituita prima di tutto da testimoni. Ovviamente ripercorrere la storia porta con sé il rivedere momenti belli di entusiasmo, eroici, ma anche dolorosi. Volutamente questa trattazione lascia fuori gli ultimi anni, perché ancora “cronaca”. Si concentra soprattutto sugli inizi e nella volontà del Fondatore, anche dove talvolta i documenti sono mancanti. Questa relazione non è uno studio esaustivo, ma un buon contributo di chi è stato anche un protagonista. A tutte le Annunziatine l’augurio di far tesoro della ruota della Povertà, per portare agli uomini di oggi le sovrabbondanti ricchezze di Cristo.

Don Gino Valeretto

IMSA Italia: Convegno nazionale 2019

Nei giorni 3-5 gennaio 2019, a Focene, presso la Casa delle Suore Carmelitane Missionarie di Santa Teresa del Bambin Gesù si è svolto il Convegno nazionale dell’Istituto Maria Santissima Annunziata

I lavori sono iniziati con la preghiera del Rosario, seguita dalla presentazione che Carmela Pietrarossa ha fatto della sua relazione, dal titolo Come fermento. La sfida della secolarità, un percorso attraverso i temi della consacrazione laicale vissuta nel segno del lievito che trasforma la pasta, del germe divino che cresce e diventa un albero sotto le cui fronde gli uccelli trovano riparo.

Utilizzando una serie di immagini in power point, cioè elaborate al computer, Carmela ha condotto la sua riflessione traendo spunto da numerosi riferimenti alla realtà umana, professionale, culturale, politica, invitandoci a mai ‘accomodarci’ per gettare sempre oltre le nostre reti, nella quotidianità dei piccoli gesti, pieni di eternità. Il giorno successivo, venerdì 4 gennaio, don Carlo Cibien, Vicario provinciale della Società San Paolo dottore in Teologia con specializzazione in Sacramentaria, ha presentato un quadro di riferimento sulla normativa che regola gli Istituti di vita consacrata, soffermandosi sulle problematiche ancora aperte, legate al senso dell’aggregazione.

Il tempo per qualche domanda e, nel pomeriggio, il confronto nei gruppi sui contenuti proposti; dopo cena, la possibilità di suggerimenti e proposte operative, per questo anno così importante, dedicato alle vocazioni e alla celebrazione del centenario del Patto di Riuscita (7 gennaio 2019), preceduto nel 1917 dalla famosa cambiale, una riproduzione della quale è stata consegnata a ciascuna Annunziatina dalle Consigliere. Insieme a don Gino Valeretto, Delegato provinciale dell’Istituto, hanno lavorato incessantemente durante e dopo il Convegno.

Sabato 5 abbiamo avuto la gioia di avere con noi, insieme a don Domenico Soliman, don Valdir José de Castro, Superiore generale della Società San Paolo che, dopo la celebrazione della Messa, si è intrattenuto con noi per raccontare della sua esperienza come partecipante al Sinodo dei giovani. Don Valdir ci ha raccontato che molti giovani hanno evidenziato sì aspetti negativi della Chiesa (la corruzione, la pedofilia), al tempo stesso però hanno parlato della loro bella esperienza all’interno della comunità ecclesiale, in particolare ci ha raccontato di un giovane irakeno che ha commosso l’assemblea dei padri sinodali raccontando della persecuzione di tanti cristiani nel suo paese. L’ultima parte della mattinata del sabato è stata dedicata alla relazione di don Gino sulla vita dell’Istituto e alle proposte operative, tra le quali la recita del Patto di riuscita, la preghiera per le vocazioni, la celebrazione di Sante Messe a suffragio delle Annunziatine defunte. Infine, una bella iniziativa sarà la possibilità di partecipare ad un pellegrinaggio a Lourdes, nel 2020, anniversario della costituzione degli Istituti aggregati, promosso dalla Santa Famiglia.

Foto | Relazioni |

Torna alla Home