Insieme

Immagine

Annunziatine, esercizi a Susa agosto 2017

INSIEME di don Antonio Rizzolo

«PORTIAMO GESÙ CRISTO CHE AMIAMO IN TUTTI GLI AMBIENTI DI VITA»

Una bella esperienza insieme con le sorelle annunziatine, istituto di consacrate che restano “nel mondo” e che fa parte della famiglia paolina

Cari amici lettori, il mese di agosto volge al termine e per molti anche il tempo delle vacanze estive. Mi auguro che ciascuno di voi abbia potuto di riposarsi e anche trovare qualche spazio per pregare e per meditare la parola di Dio. Soprattutto negli ultimi giorni, dopo il grande caldo degli inizi del mese. C’è comunque ancora tempo nel mese di settembre e, in realtà, ogni giorno dell’anno: basta dedicare dieci minuti ogni sera, prima di addormentarsi, alla lettura del Vangelo del giorno dopo, accompagnato magari dal breve commento che vi offriamo su Credere.

Io ho avuto modo, quest’estate, di meditare più a fondo la parola di Dio grazie al corso di esercizi che ho tenuto intorno a metà agosto nella casa di spiritualità Villa San Pietro, a Susa. Ero insieme a un gruppo di sorelle dell’istituto Maria Santissima Annunziata, che appartiene alla Famiglia paolina fondata dal beato don Giacomo Alberione. Come mi capita sempre quando “spezzo” la Parola per gli altri, sono rimasto edificato dalla testimonianza e dall’impegno di queste sorelle. Due di queste, tra l’altro, hanno festeggiato i 50 anni di professione religiosa, una i 25 anni, una ha rinnovato i voti per un anno, un’altra ha emesso i voti per sempre. La celebrazione di tutto questo è stata molto semplice, ma anche suggestiva, emozionante.

Chi sono, però, le Annunziatine (così sono chiamate per brevità le sorelle dell’istituto)? Ecco come si presentano nel loro sito www.annunziatine.org: «Siamo consacrate a tutti gli effetti perché professiamo i voti di povertà, castità e obbedienza pur rimanendo nel mondo. All’esterno non manifestiamo nulla di particolare in quanto non vestiamo un abito e non viviamo in comunità. Rimaniamo ciascuna nel proprio ambiente di vita, di lavoro e di impegno apostolico e il vantaggio che ne deriva è la possibilità di portare Gesù Cristo che amiamo in tutti gli ambienti: case, uffici, fabbriche, scuole, famiglie, ecc.».

È una vocazione, quella delle Annunziatine e degli altri istituti secolari, attuale e moderna. Quanto bisogno c’è, oggi, di persone che manifestano in ogni ambiente di vita, segno di speranza per gli altri, la bellezza e la gioia della fede! Certo, non è una vocazione facile. Come scrivono sempre le Annunziatine nel loro sito, «per seguire Gesù Cristo più da vicino nel mondo imitandolo nella sua povertà, castità e obbedienza al Padre, fondiamo tutta la nostra vita sul binomio contemplazione-azione. Dice il nostro Fondatore: “Per passare in mezzo al fango senza sporcarsi bisogna essere anime forti, persone che sono vere eroine nel mondo”».

Credere – n.35 – 2017