Crea sito


 

Preghiamo con il Beato Alberione




IN PREGHIERA CON IL BEATO GIACOMO ALBERIONE
Litanie dei Santi


Finchè non si ritiene la pietà necessaria per noi, così come il pane e l’aria per vivere, saremo insufficienti, vuoti, volubili. Beato Alberione  

A Maria Santissima Annunziata
(Integrale)

A MARIA SS. ANNUNZIATA

Tutte le generazione ti proclamino beata, o Maria
Tu hai creduto all’arcangelo Gabriele,
e in te si sono compiute tutte le grandi cose
che egli ti aveva annunciato.
L’anima mia e tutto il mio essere ti lodino , o Maria.
Hai prestato fede all’incarnazione del figlio di Dio
nel tuo seno verginale, e sei diventata la Madre di Dio.
Al tuo sì il Verbo eterno si fece uomo e visse tra gli uomini.
Spuntò allora il giorno più felice  della storia umana.
L’umanità ebbe il Maestro divino, il Sacerdote unico ed eterno,
l’Ostia di riparazione, il Re universale.
Sia benedetto il Signore che tutto volle dare per mezzo  suo.
La fede è dono di Dio e radice di ogni bene.
O Maria, ottieni anche a noi una fede viva,
ferma operosa:la fede che salva e produce i santi
Fede nella Chiesa, nel Vangelo, nella vita eterna.
Che possiamo meditare le parole del tuo Figlio benedetto,
come tu le conservavi in cuore e santamente le consideravi.
Che il Vangelo sia predicato a tutti.
Che venga accolto docilmente.
Che tutti divengano in Gesù Cristo figlio di Dio. Amen.

 

Per passare bene la giornata

Cara e tenera mia Madre Maria - tienimi la tua santa mano sul capo, - custodisci la mia mente, il mio cuore, i miei sensi, -
perchè non commetta mai peccato.
Santifica i miei pensieri, affetti, parole ed azioni, -
perchè io possa piacere a te e al tuo Gesù e Dio mio -
e giunga al paradiso con te. -
Gesù e Maria datemi la vostra Santa benedizione: -
Nel nome del Padre - e del Figlio - e dello Spirito Santo. - Amen.

Consacrazione di se stesso a Maria

Ricevimi, o madre, maestra e regina Maria, fra quelli che ami, nutri, santifichi e guidi nella scuola di Gesù Cristo, divino Maestro.
Tu leggi nella mente di Dio i figli che egli chiama e per essi hai preghiera, grazia, luce e conforti speciali.
Il mio Maestro, Gesù Cristo, si è consegnato totalmente a te dall’incarnazione all’ascensione;
questo è per me dottrina, esempio e dono ineffabile:
anch’io mi rimetto pienamente nelle tue mani.
Ottienimi la grazia di conoscere, imitare, amare
sempre più il divin Maestro, Via e Verità e Vita.
Presentami tu a Gesù:sono indegno peccatore,
non ho altri attestati per venire accolto nella
sua scuola che la tua raccomandazione.
Illumina la mia mente, fortifica la mia volontà,
santifica il mio cuore in quest’anno di mio lavoro spirituale,
perché possa profittare di tanta misericordia,
e possa concludere al fine:
«Vivo io, ma non più io, bensì vive in me Cristo».

 

A Maria Regina degli apostoli

Ave,o Maria, madre, maestra e regina di ogni apostolato.
Tu in cielo siedi Regina degli angeli e dei patriarchi,
degli apostoli e dei martiri, dei confessori e dei vergini.
Tu tieni continuamente il tuo sguardo rivolto alla terra,
sui giusti e sui peccatori, sempre premurosa della salvezza di tutti.
Tu ricordi che Gesù, morente sulla croce,ti ha affidato l’ufficio di madre e ti ha acceso in cuore una fiamma di carità e sollecitudine universale.
Continua a suscitare, confortare, formare sante vocazioni
in ogni apostolato per il regno del tuo divin Figlio.
E noi, chiamati al santo apostolato della comunicazione sociale,
ti consacriamo, oggi, tutte le penne, le macchine,
le iniziative, le fatiche del lavoro quotidiano.
Più di tutto ti consacriamo noi stessi: le nostre forze,
la nostra intelligenza,la nostra volontà, il nostro cuore;
noi siamo tuoi, e quanto abbiamo l’offriamo a Gesù
per le tue mani, o madre.
Ottienici larga effusione di Spirito Santo, come già sui primi apostoli.
Apri le nostre intelligenze a comprendere l’alta vocazione;
fortifica le nostre volontà, accendi i nostri cuori;
santifica scrittori, tecnici, propagandisti.
Che si ascolti, si segua, si ami Gesù Cristo, divino Maestro!
Che il peccato mai venga a offuscare le nostre anime a te consacrate; calpesta, o vergine immacolata,
il capo dell’insidioso demonio dello scoraggiamento.
Vivi in mezzo a noi, o Maria: beati quanti abitano nella tua casa.
Ti promettiamo di usare tutti i mezzi del nostro apostolato con rispetto,
poiché sono cosa tua, o Regina; vogliamo impegnarci perché le edizioni siano pastorali nel contenuto e degne, per la forma,
delle verità che racchiudono; e presentino, con te,
Gesù Cristo, Via e Verità e Vita;
che il Vangelo si diffonda e illumini il mondo nello spirito di
san Paolo, nostro padre;
e tutte le generazioni ti proclamino beata, o Maria.
Parla, Gesù, di’ le tue parole di vita eterna;
effondi il tuo Spirito sul mondo; sia una la scuola, come una è la Verità, uno il Maestro, una la fede, una la Chiesa.
Tu sei con noi e di qui vuoi illuminare;
ottienici sempre un vero dolore dei peccati.
Benedici quanti cooperano con la preghiera, le offerte, le opere.
Vieni, o Gesù, vivi in noi e regna, per Maria e con Maria, sul mondo.
E sia la nostra morte serena come quella dell’anima fedele alla sua vocazione; e sia il nostro giudizio il momento in cui l’operaio laborioso riceve lieto la sua mercede; e sia la nostra corona celeste quella riservata alla gloriosa schiera degli apostoli.
Per te, Gesù, per te, Maria, gloria a Dio nei secoli,
pace in terra agli uomini. Amen.

Preghiera ecumenica a Maria

Salve, o Maria, nostra madre, maestra e regina.
Ascolta benignamente la supplica
che ti presentiamo secondo il volere di Gesù:
"Pregate perché il padrone della messe mandi operai alla sua messe".
Volgi i tuoi occhi misericordiosi sopra i cinque miliardi di uomini viventi.
Moltissimi sono smarriti nella confusione,
senza un padre, un pastore, un maestro.
Il Signore ti ha fatta apostola per dare al mondo Gesù,
Via e Verità e Vita. Rivolgendosi a te,
troveranno la via per arrivare a Gesù.
Per te: tutti i cattolici, con tutte le forze, per tutte le vocazioni,
per tutti gli apostolati! Per te: tutti i fedeli per tutti gli infedeli,
tutti i ferventi per tutti gli indifferenti,
tutti i cattolici per tutti gli acattolici. Per te: tutti i chiamati corrispondano, tutti gli apostoli siano santi,
tutti gli uomini li accolgano.
Ai piedi della croce il tuo cuore si è dilatato per
accoglierci tutti come figli.
Ottienici un cuore apostolico, modellato sul tuo cuore,
su quello di Gesù e di san Paolo,
perché un giorno possiamo essere tutti,
apostoli e fedeli, attorno a te in cielo.
Benedici, o Maria, maestra e regina, i tuoi figli.

 

A san Gabriele Arcangelo per le tecniche audiovisive

O Padre celeste, ti ringrazio per aver scelto tra gli angeli
san Gabriele a portare l’annunzio
dell’incarnazione e redenzione dell’umanità.
Maria accolse con fede l’annunzio,
ed il tuo Figlio s’incarnò e, morendo sulla croce,
redense tutti gli uomini.
Ma la maggior parte di essi non ha ancora ricevuto
il messaggio della salvezza.
O san Gabriele, protettore delle tecniche audiovisive,
cinema, radio e televisione,
supplica il Maestro Gesù,perché con questi potenti mezzi
la Chiesa possa predicare a tutti la
divina verità da credere e indicare la via da seguire.
Che questi doni di Dio servano all’elevazione e alla salvezza di tutti.
Che mai queste tecniche siano adoperate per
l’errore e la rovina delle anime.
Che ogni uomo accolga docilmente il messaggio di Gesù Cristo.
O san Gabriele, prega per noi e per l’apostolato
delle tecniche audiovisive. Amen.

A Gesù Maestro

O Gesù Maestro, santifica la mia mente ed accresci la mia fede.
O Gesù, docente nella Chiesa, attira tutti alla tua scuola.
O Gesù Maestro, liberami dall’errore,
dai pensieri vani e dalle tenebre eterne.
O Gesù, via tra il Padre e noi,
tutto offro e tutto attendo da te. O Gesù,
via di santità, fammi tuo fedele imitatore.
O Gesù via, rendimi perfetto come il Padre che è nei cieli.
O Gesù vita, vivi in me, perché io viva in te.
O Gesù vita, non permettere che io mi separi da te.
O Gesù vita, fammi vivere in eterno il gaudio del tuo amore.
O Gesù verità, ch’io sia luce del mondo.
O Gesù via, che io sia esempio e forma per le anime.
O Gesù vita, che la mia presenza ovunque porti grazia e consolazione.

 

Patto di fede o segreto di riuscita

Gesù Maestro, accetta il patto che ti presentiamo per le mani di Maria, Regina degli Apostoli, e del nostro padre san Paolo.
Noi dobbiamo corrispondere alla tua altissima volontà,
arrivare al grado di perfezione e gloria celeste cui ci hai destinati,
e santamente esercitare l’apostolato dei mezzi della comunicazione sociale [l'apostolato pastorale / l'apostolato vocazionale].
Ma ci vediamo debolissimi, ignoranti, incapaci, insufficienti in tutto:
nello spirito, nella scienza, nell’apostolato, nella povertà.
Tu invece sei la Via e la Verità e la Vita, la Risurrezione,
il nostro unico e sommo Bene. Confidiamo solo in te che hai detto:
«Qualunque cosa chiederete al Padre in nome mio, voi l’avrete».
Per parte nostra, promettiamo e ci obblighiamo:
a cercare in ogni cosa e con pieno cuore,
nella vita e nell’apostolato, solo e sempre,
la tua gloria e la pace degli uomini.
E contiamo che da parte tua voglia darci spirito buono,
grazia, scienza, mezzi di bene. Moltiplica,
secondo la immensa tua bontà e le esigenze della nostra
vocazione speciale, i frutti del nostro lavoro spirituale,
del nostro studio, del nostro apostolato,
della nostra povertà .Non dubitiamo di te,
ma temiamo la nostra incostanza e debolezza.
Perciò, o Maestro buono, per la intercessione
della nostra madre Maria,
trattaci con la misericordia usata con l’apostolo Paolo:
sicché,fedeli nell’imitare questo nostro padre in terra,
possiamo essergli compagni nella gloria in cielo.

A San Paolo, apostolo delle genti

O santo Apostolo, che con la tua dottrina
e la tua carità hai ammaestrato il mondo intero,
volgi benigno lo sguardo sopra di noi, tuoi figli e discepoli.
Tutto aspettiamo dalla tua preghiera
presso il Maestro divino e presso Maria,
Regina degli Apostoli. Fa’, o Dottore delle genti,
che viviamo di fede, che ci salviamo per la speranza,
che sola regni in noi la carità. Ottienici, o vaso di elezione,
docile corrispondenza alla grazia divina,
affinché essa in noi non rimanga infruttuosa.
Fa’ che possiamo sempre meglio conoscerti, amarti, imitarti;
che siamo le membra vive della Chiesa,
corpo mistico di Gesù Cristo. Suscita molti e santi apostoli.
Passi sul mondo il caldo soffio della vera carità.
Fa’ che tutti conoscano e glorifichino Dio e il Maestro divino,
Via e Verità e Vita. E tu, o Signore Gesù,
che conosci come non abbiamo fiducia alcuna nelle nostre forze,
per la tua misericordia, concedici di essere difesi
contro ogni cosa avversa dalla potente
intercessione di san Paolo, nostro maestro e padre.

Offertorio paolino
(Preghiera di intercessione per la comunicazione sociale)

Signore, io ti offro, in unione con i sacerdoti
che oggi celebrano la santa Messa,
Gesù-Ostia e me stesso, piccola vittima:
– In riparazione degli errori e degli scandali che vengono diffusi
nel mondo con gli strumenti della comunicazione sociale.
– Per invocare la tua misericordia su quanti,
ingannati e sedotti da questi mezzi potenti,
si allontanano dal tuo amore di Padre.
– Per la conversione di coloro che, nell’uso di questi strumenti,
disconoscono il magistero di Cristo e della Chiesa,
deviando così la mente, il cuore e le attività degli uomini.
– Perché tutti possano seguire unicamente colui che tu,
o Padre, nell’immensità del tuo amore, hai inviato nel mondo, proclamando:
"Questi è il figlio mio diletto, ascoltatelo".
– Per conoscere e far conoscere che solo Gesù, Verbo incarnato,
è il Maestro perfetto, Via sicura che conduce alla conoscenza
del Padre e a partecipare della sua vita.
– Perché nella Chiesa si moltiplichino i sacerdoti, i religiosi,
le religiose e i laici che, consacrati all’apostolato con i mezzi della comunicazione sociale, facciano risuonare il messaggio
della salvezza in tutto il mondo.
– Perché gli scrittori, i tecnici e i propagandisti siano saggi,
animati da spirito evangelico, e diano testimonianza di vita cristiana nell’ambito della comunicazione sociale.
– Perché le iniziative cattoliche, nel settore delle comunicazioni sociali,
siano sempre più numerose e promuovano efficacemente
i veri valori umani e cristiani.
– Perché tutti noi, conoscendo la nostra ignoranza e miseria,
sentiamo il bisogno di accostarci, con umiltà e fiducia,
alla fonte della vita e nutrirci della tua Parola, o Padre,
e del Corpo di Cristo,
invocando per tutti gli uomini luce, amore e misericordia.

Offertorio pastorale
(Suore Pastorelle)

Signore, io ti offro, in unione con i sacerdoti che oggi
celebrano la santa Messa:
Gesù-Ostia e me stessa, piccola vittima:
– In riparazione di tutte le offese che si recano a
Gesù Pastore buono e vivente nella persona del Papa,
dei vescovi e dei sacerdoti.
– Per invocare la tua misericordia sopra tutte le pecorelle
allontanatesi dal vero ovile o ancora disperse
come gregge senza pastore.
– Per la conversione dei falsi pastori che allontanano gli uomini dal
Pastore Gesù il quale dà la vita per le pecorelle.
– Per onorare, amare, seguire unicamente Gesù Via, Verità e Vita.
– Perché possiamo cooperare con i pastori nell’illuminare,
guidare e pregare per la salvezza degli uomini.
– Per domandarti che tutti i pastori e i loro cooperatori,
specialmente i genitori ed i maestri, siano santi, pieni di
sapienza e di zelo per la gloria di Dio e la salvezza degli uomini.
– Perché si moltiplichino le vocazioni ed abbiano l’efficacia della parola;
esercitino l’apostolato della preghiera e dell’esempio,
si faccia presto un solo ovile sotto un solo Pastore.
– Perché tutti noi conosciamo la nostra ignoranza e miseria e il bisogno
di starcene sempre, umilmente, dinanzi al Tabernacolo invocando luce, pietà e misericordia.

Offertorio vocazionale
(Suore Apostoline)

La vostra preghiera di offerta comprende tutti i punti per cui maggiormente dovete pregare e operare.
(D. Alberione alle Apostoline)

Padre nostro, che sei nei cieli, io ti offro con tutti i
sacerdoti Gesù-Ostia e me stesso:
– In adorazione e ringraziamento perché nel Figlio tuo
sei l’autore del sacerdozio,della vita religiosa e di ogni vocazione.
– In riparazione al tuo cuore paterno per le
vocazioni trascurate, impedite o tradite.
– Per ridonarti in Gesù Cristo quanto i chiamati hanno
mancato alla tua gloria, agli uomini, a se stessi.
– Perché tutti comprendano l’appello di Gesù Cristo:
"La messe è molta, gli operai pochi;
pregate perché siano mandati operai alla mietitura".
– Perché ovunque si formi un clima familiare, religioso, sociale,
adatto allo sviluppo e alla corrispondenza delle vocazioni.
– Perché genitori, sacerdoti, educatori aprano la via con
la parola e gli aiuti materiali e spirituali ai chiamati.
– Perché si segua Gesù Maestro, Via, Verità, Vita,
nell’orientamento e formazione delle vocazioni.
– Perché i chiamati siano santi, luce del mondo, sale della terra.
– Perché in tutti si formi una profonda coscienza vocazionale:
tutti i cattolici, con tutti i mezzi, per tutte le vocazioni ed apostolati.
– Perché tutti noi conosciamo la nostra ignoranza e miseria e il bisogno
di stare sempre, umilmente, innanzi al Tabernacolo
per invocare luce, pietà, grazia.


Per la Beatificazione del Fondatore

Signore, glorifica nella tua Chiesa il sacerdote, beato Don Giacomo Alberione. Sia per noi tutti esempio e intercessore nel cammino della nostra santificazione e del nostro impegno apostolico. Apri le vie dell’evangelizzazione affinchè la presenza di Gesù Maestro, Via, Verità e Vita, si irradi nel mondo per mezzo di Maria, madre e Regina degli Apostoli. Concedimi le grazie che ora ti chiedo…

 

Atto di domanda Gesù

Vita mia, mia gioia e fonte di ogni bene, io ti amo.
Soprattutto ti chiedo di amare sempre
più te e gli uomini redenti con il tuo sangue.
Tu sei la vite e io il tralcio: voglio star sempre unito a te
per portare molti frutti. Tu sei la fonte:
effondi sempre più copiosa la grazia per santificare l'anima mia.
Tu sei il mio capo, io un tuo membro:
comunicami il tuo santo Spirito con tutti i suoi doni.
Venga il tuo regno per Maria.
Consola e salva le persone a me care.
Libera le anime del Purgatorio.
Moltiplica e santifica i chiamati all'apostolato.

Invocazione allo Spirito Santo

O Spirito Santo, per intercessione della Regina della Pentecoste:
sana la mia mente dalla irriflessione, ignoranza, dimenticanza, durezza, pregiudizio, errore, perversione, e concepisci la Sapienza,
Gesù Cristo-Verità, in tutto.
Sana la mia sentimentalità dalla indifferenza,
diffidenza, cattiva inclinazione, passioni, sentimenti,
affezioni, e concepisci i gusti, sentimenti, inclinazioni,
Gesù Cristo-Vita, in tutto. Sana la mia volontà dall'abulia,
leggerezza, incostanza, accidia, ostinazione, cattive abitudini,
e concepisci Gesù Cristo-Via in me, l'amore nuovo a ciò che ama Gesù Cristo e Gesù Cristo stesso. Eleva divinamente: l'intelligenza col dono dell'intelletto, la sapienza col dono della Sapienza, la scienza con la Scienza, la prudenza col Consiglio, la giustizia con la Pietà,
la fortezza col dono della Forza spirituale,
la temperanza col Timor di Dio.

Per ottenere la salute

O Santo divino Spirito, creatore e rinnovatore
di tutte le cose, vita della mia vita,
con Maria Santissima ti adoro, ti ringrazio, ti amo!
Tu che dai la vita e vivifichi tutto l'universo,
conserva in me la buona salute, liberami dalle malattie
che la minacciano e da tutti i mali che la insidiano.
Aiutato dalla tua grazia, prometto di usare sempre
delle mie forze per la gloria di Dio, per il bene
della mia anima e per servire i fratelli. Ti prego, anche,
di illuminare con i tuoi doni di scienza e di intelletto
tutti i medici e quanti hanno cura dei malati,
affinchè conoscano le vere cause dei mali che
insidiano e minacciano la vita e possano scoprire
e applicare i rimedi più efficaci per difenderla e curarla.
O Vergine Santissima, madre della vita e salute degli infermi:
a te affido questa mia umile preghiera.
Tu, madre di Dio e madre nostra,
degnati di avvalorarla con la tua
potente intercessione. Amen

Per la propria vocazione

Padre celeste, io credo alla tua sapienza e al tuo amore.
Credo che mi hai creato per il paradiso,
mi hai segnato la via per giungervi e che là mi aspetti
per il premio del servo fedele.
Dammi luce e mostrami questa via;
concedimi la forza di seguirla con
generosa corrispondenza.
Te ne prego, per Gesù Cristo tuo Figlio
e per Maria mia Regina e Madre.
Che in morte possa anch'io dire con san Paolo:
ho percorso la mia via,
ho combattuto la buona battaglia
e ora attendo la corona dei giusti.

Atto di sottomissione alla volontà di Dio

Quel che mi accadrà oggi, mio Dio, non lo so.
Tutto quello che so è che nulla mi accadrà che tu non abbia preveduto e diretto al mio maggior bene da tutta l'eternità.
Questo solo mi basta. Adoro i tuoi santi disegni eterni e impenetrabili; mi sottometto con tutto il cuore per tuo amore,
ti faccio un sacrificio di tutto il mio essere e
unisco il mio sacrificio a quello di Gesù, mio Divin Salvatore.
Ti domando, in suo nome e per gli infiniti suoi meriti,
la pazienza nelle mie tribolazioni e la perfetta sottomissione,
affinché tutto quello che tu vuoi o permetti che accada riesca per la tua maggior gloria e santificazione mia. Amen.

Preghiera dell’operaio

Gesù, divino operaio e amico degli operai, volgi il tuo sguardo benigno sul mondo del lavoro. Ti presentiamo i bisogni di quanti compiono un lavoro intellettuale, morale o materiale. Vedi in quali fatiche, in quali sofferenze e tra quali insidie viviamo i nostri duri giorni. Vedi le sofferenze fisiche e morali; ripeti il grido del tuo cuore: «Ho pietà di questo popolo». E confortaci, per i meriti e l’intercessione di san Giuseppe, modello degli operai e artigiani.
Dacci la sapienza, la virtù, l’amore che ti sostenne nelle laboriose giornate. Ispira pensieri di fede, di pace, di moderazione, di risparmio, perché si cerchino sempre, insieme al pane quotidiano, i beni spirituali ed il Paradiso. Salvaci da chi, con inganno, mira a rapirci il dono della fede e la fiducia nella tua provvidenza. Liberaci dagli sfruttatori, che disconoscono i diritti e la dignità della persona umana. Ispira leggi sociali conformi al magistero ecclesiale. Regnino assieme la carità e la giustizia con la cooperazione sincera delle classi sociali. Considerino tutti il Vicario di Cristo, Maestro nella dottrina sociale, che assicura al lavoratore una graduale elevazione ed il regno dei cieli, eredità dei poveri di spirito. Amen.

Per i viaggi

O Gesù-Verità, illuminami a viaggiare solo e sempre in carità e con lo sguardo rivolto all’ultima meta, il cielo.
   
O Gesù-Via, sii la mia guida, perché io possieda pieno controllo, occhio sicuro, moderazione costante.
   
O Gesù-Vita, sii ovunque, per me e per quanti accompagno o incontro, letizia di spirito e salvezza dell’anima e del corpo.
   
O mio angelo, precedimi benigno e custodiscimi. Amen.


CORONCINE SETTIMANALI

DOMENICA

 

A GESÙ MAESTRO

1. Gesù, Maestro divino, ti adoriamo come verbo incarnato, mandato dal Padre per ammaestrare gli uomini nelle verità che dànno la vita. Tu sei la Verità increata, l'unico Maestro; tu solo hai parole di vita eterna. Ti ringraziamo per aver acceso in noi il lume della ragione e il lume della fede e averci chiamati al lume della gloria. Noi crediamo, sottomettendo tutta la nostra mente a te ed alla Chiesa, e condanniamo quanto la Chiesa condanna. Maestro, mostraci i tesori della tua sapienza, facci conoscere il Padre, rendici veri tuoi discepoli. Accresci la nostra fede perché possiamo pervenire all'eterna visione in cielo.

O Gesù Maestro, Via Verità e Vita: abbi pietà di noi.

2. Gesù, Maestro divino, ti adoriamo come il Diletto del Padre, Via unica per andare a lui. Ti ringraziamo perché ti sei fatto nostro modello; hai lasciato esempi della più alta perfezione; hai invitato gli uomini a seguirti sulla terra ed in cielo. Noi ti contempliamo nei vari tratti della vita terrena; ci mettiamo docilmente alla tua scuola e condanniamo ogni morale diversa dalla tua. Attraici a te, perché camminando sulle tue orme e rinunciando a noi stessi, cerchiamo unicamente la tua volontà. Accresci in noi la speranza operosa e il desiderio di essere trovati nel giudizio simili a te e possederti per sempre in cielo.

O Gesù Maestro...

3. Gesù, Maestro divino, ti adoriamo come l'Unigenito di Dio, venuto al mondo per dare agli uomini la Vita, e la Vita più abbondante. Ti ringraziamo perché morendo sulla croce ci hai meritato la vita, che ci comunichi nel battesimo e nutri nell'Eucarestia e negli altri sacramenti. Vivi in noi, o Gesù, con l'effusione dello Spirito Santo, onde possiamo amarti con tutta la mente, tutte le forze, tutto il cuore; e amare il prossimo come noi stessi per amor tuo. Accresci in noi la carità, perché un giorno richiamati dal sepolcro alla vita gloriosa, siamo a te uniti nel gaudio eterno del cielo.

O Gesù Maestro...

4. Gesù, Maestro divino, ti adoriamo vivente nella Chiesa, tuo corpo mistico e nostra unica arca di salvezza. Ti ringraziamo di averci dato questa Madre infallibile e indefettibile, nella quale tu continui ad essere per gli uomini Via, Verità e Vita. Ti supplichiamo perché tutti gli infedeli vengano alla sua luce inestinguibile, gli erranti ritornino ad essa, e tutto il genere umano sia unito nella fede, nella comune speranza, nella carità. Esalta la Chiesa, assisti il Papa, santifica i sacerdoti e le anime a te consacrate. Signore Gesù, il nostro sospiro è il tuo: si faccia un solo ovile sotto un solo pastore perché tutti possiamo riunirci nella Chiesa trionfante in cielo.

O Gesù Maestro...

5. Gesù, Maestro divino, ti adoriamo con gli angeli che cantarono i motivi della tua incarnazione: « Gloria a Dio e pace agli uomini ». Ti ringraziamo di averci chiamati a partecipare al medesimo tuo apostolato. Accendi in noi la tua stessa fiamma dello zelo per Dio e per le anime. Riempi di te tutto il nostro essere: vivi in noi perché ti irradiamo con l'apostolato della preghiera e della sofferenza, delle edizioni e della parola, dell'esempio e delle opere. Manda buoni operai alla tua messe; illumina i predicatori, i maestri, gli scrittori; effondi in essi lo Spirito Santo; disponi le menti ed i cuori ad accoglierlo. Vieni, Maestro e Signore! Insegna e regna, per Maria, Madre, Maestra e Regina.

0 Gesù Maestro...


LUNEDI'

A SAN PAOLO

1. Ti ringrazio, o Gesù, per la grande misericordia concessa a san Paolo nel mutarlo da fiero persecutore in ardente apostolo della Chiesa. E tu, o grande santo, ottienimi un cuore docile alla grazia, la conversione dal mio difetto principale e una piena configurazione a Gesù Cristo.

San Paolo apostolo: prega per noi.

2. Ti ringrazio, o Gesù, per aver eletto l'apostolo Paolo a modello e predicatore della santa verginità. E tu, o San Paolo, caro mio padre, custodisci la mia mente, il mio cuore, i miei sensi, perché possa conoscere, amare, servire soltanto Gesù, e consacrare alla sua gloria tutte le mie forze.

San Paolo apostolo: prega per noi.

3. Ti ringrazio, o Gesù, per aver dato, per mezzo di San Paolo, esempi ed insegnamenti di perfetta obbedienza. E tu, o grande santo, ottienimi umile docilità a tutti i miei superiori, sicuro che nell'obbedienza troverò la vittoria contro i miei nemici.

San Paolo apostolo: prega per noi.

4. Ti ringrazio, o Gesù, per avermi insegnato, con le opere e con le parole di san Paolo, il vero spirito di povertà. E tu, o grande santo, otiienimi lo spirito evangelico della povertà, affinché, dopo averti imitato in vita, passa esserti compagno nella gloria in cielo.

San Paolo apostolo: prega per noi.

5. Ti ringrazio, o Gesù per aver dato a san Paolo un cuore pieno di amore a Dio e alla Chiesa, e di aver salvato per il suo zelo tante anime. E tu, o nostro amico, ottienimi vivo desiderio di esercitare l'apostolato della comunicazione sociale, della preghiera, dell'esempio, delle opere e della parola, perché possa meritare il premio promesso ai buoni apostoli.

San Paolo apostolo: prega per noi.


MARTEDI'

Alle anime del purgatorio

1. O Signore, mio creatore e redentore, io credo che nella tua giustizia e misericordia hai disposto il purgatorio per le anime che passano all'eternità prima di aver soddisfatto del tutto i debiti di colpa o di pena. E credo che nella tua misericordia accetti i suffragi, specialmente il sacrificio della Messa, per loro sollievo e liberazione. Ravviva in me la fede e infondimi sentimenti di pietà verso questi cari fratelli dolenti.

L'eterno riposo...

2. O Signore, Gesù Cristo, re della gloria, per l'intercessione di Maria e di tutti i santi, libera dalle pene del purgatorio le anime dei fedeli defunti. E tu, o san Michele, principe della milizia celeste, guidale nella luce santa promessa dal Signore ad Abramo e ai suoi discendenti. Ti offro, o Signore, sacrifici e preghiere di lode; tu accettali per quelle anime, e ammettile alla luce e alla gioia eterna.

L'eterno riposo...

3. O Gesù, Maestro buono, ti supplico per le anime verso le quali ho più stretti doveri di riconoscenza, giustizia, carità, parentela: i genitori, i benefattori spirituali e corporali, i congiunti. Ti raccomando le persone che sulla terra hanno avuto maggiori responsabilità: i sacerdoti, i governanti, i superiori, i religiosi. Ti prego ancora per le anime dimenticate e per le più devote di Gesù Maestro, della Regina degli Apostoli, di san Paolo apostolo. Degnati di chiamarle presto alla celeste beatitudine.

L'eterno riposo...

4. Ti ringrazio, o Gesù, Maestro divino, disceso dal cielo a sollevare l'uomo da tanti mali con la tua dottrina, santità e morte. Ti supplico per le anime che si trovano in purgatorio a causa della stampa, del cinema, della radio e televisione. Confido che queste anime, una volta liberate dalle loro pene e ammesse all'eterno gaudio, ti preghino e supplichino per il mondo moderno, affinché i tanti beni, che ci hai elargiti per l'elevazione della vita presente, siano pure adoperati per l'apostolato e la vita eterna.

L'eterno riposo...

5. O Gesù misericordioso, per la tua dolorosa passione e per l'amore che mi porti, ti prego , ti perdonarmi le pene meritate per questa o l'altra vita con i miei molti peccati. Concedimi spirito di penitenza, delicatezza di coscienza, odio a ogni venialità deliberata e le disposizioni necessarie per l'acquisto delle indulgenze. Io m'impegno a suffragare le anime purganti in quanto posso; e tu, Bontà infinita, infondimi un fervore sempre più vivo perché l'anima mia, sciolta dai vincoli del corpo, sia ammessa a contemplarti per sempre in cielo.

L'eterno riposo...

 

ATTO EROICO DI CARITÀ

O mio Dio, per la tua maggior gloria, in unione ai meriti di Gesù e di Maria,
io ti offro e cedo per le anime del purgatorio la parte soddisfatoria di tutto il bene che farò,
e tutti i suffragi che riceverò dopo la mia morte.
Disponi tutto secondo la tua divina volontà.

MERCOLEDI'

A San Giuseppe

 

1. O san Giuseppe, fedele cooperatore nella nostra redenzione, abbi pietà della povera umanità ancora avvolta in tanti errori, vizi e superstizioni. Tu fosti docile strumento nelle mani del Padre celeste a disporre tutto per la nascita, la fanciullezza di Gesù e la preparazione della Vittima, del Sacerdote, del Maestro divino agli uomini. O santo docilissimo al volere di Dio, ottienici zelo per le vocazioni e la loro formazione. Per noi ti chiediamo generosa e costante corrispondenza al prezioso dono della chiamata di Dio.

San Giuseppe, prega per noi.

2. O san Giuseppe, modello di ogni virtù, ottienici il tuo spirito interiore. Nel silenzio amoroso ed operoso, nella pratica di tutte le prescrizioni religiose e sociali, nella docilità a tutto il volere di Dio, hai raggiunto un altissimo grado di santità e di gloria celeste. Ottienici aumento di fede, speranza e carità; larga infusione delle virtù cardinali; abbondanza dei doni dello Spirito Santo.

San Giuseppe, prega per noi.

3. O san Giuseppe, ti veneriamo come il modello dei lavoratori, l'amico dei poveri, il consolatore dei sofferenti ed emigrati, il santo della Provvidenza. Sopra la terra hai rappresentato la bontà e la premura universale del Padre celeste. Fosti il fabbro di Nazaret e maestro di lavoro al Figlio di Dio, fattosi umile lavoratore per noi. Soccorri con le tue preghiere quanti faticano nel lavoro intellettuale, morale e materiale. Alle nazioni ottieni una legislazione conforme al Vangelo, lo spirito di carità cristiana, un ordinamento conforme a giustizia e pace.

San Giuseppe, prega per noi.

4. O san Giuseppe, padre putativo di Gesù, benedico il Signore per le intime tue comunicazioni con lui durante la sua infanzia e giovinezza a Betlemme, in Egitto, a Nazaret. Lo hai paternamente amato e sei stato filialmente riamato. La tua fede ti faceva adorare in lui il Figlio di Dio incarnato, mentre egli ti ubbidiva, ti serviva, ti ascoltava. Avevi con lui soavi conversazioni, comunanza di lavoro, grandi pene e dolcissime consolazioni. Ottienimi la grazia di mai offendere e perdere Gesù col peccato. Prega per me che possa sempre comunicarmi e confessarmi bene, arrivare a una grande intimità e a un amore tenero e forte verso Gesù, sopra la terra, , ed a possederlo per sempre in cielo.

San Giuseppe, prega per noi.

5. O san Giuseppe, sposo purissimo di Maria, umilmente ti preghiamo di ottenerci una vera devozione alla nostra tenera Madre, Maestra e Regina. Per divina volontà, la tua missione fu asociata a quella di Maria. Con Maria dividesti pene e gioie; con lei vi fu una santa emulazione di virtù, di lavoro e di meriti; unione di mente e di cuore. O san Giuseppe, prega per i padri e le madri di famiglia. Ottienici la grazia di conoscere la santissima Vergine Maria, di imitarla, amarla e pregarla sempre. Attira tante anime al suo cuore materno.

San Giuseppe, prega per noi.

6. O san Giuseppe, protettore degli agonizzanti, ti supplichiamo per tutti i morenti, e per la tua assistenza nell'ora della nostra morte. Tu meritasti un transito felice con una santa vita e nelle tue ultime ore avesti l'ineffabile consolazione dell'assistenza di Gesù e Maria. Liberaci dalla morte improvvisa; concedici la grazia di imitarti in vita, di distaccare il cuore da ogni cosa mondana e raccogliere ogni giorno tesori per il momento della morte. Fa' che allora possiamo ricevere bene i sacramenti degli infermi e con Maria ispiraci sentimenti di fede, speranza, carità e dolore dei peccati, perché spiri in pace l'anima nostra.

San Giuseppe, prega per noi.

7. O san Giuseppe, protettore della Chiesa universale, volgi benigno lo sguardo sopra il Papa, i Vescovi, i Sacerdoti, i religiosi, i cristiani; prega per la santificazione di tutti. La Chiesa è frutto del sangue di Gesù, tuo Figlio putativo. Affidiamo a te le nostre suppliche per l'estensione, la libertà, l'esaltazione della Chiesa. Difendila dagli errori, dal male e dalle forze dell'inferno come un giorno salvasti l'insidiata vita di Gesù dalle mani di Erode. Si avveri il sospiro di Gesù: un solo ovile sotto un solo pastore.

San Giuseppe, prega per noi.

GIOVEDI'

ALL'ANGELO CUSTODE

 

1. Padre celeste, ringrazio la tua infinita bontà per avermi affidato, fin dal momento in cui l'anima mia è uscita dalle tue mani creatrici, ad un angelo affinché mi illumini, custodisca, regga e governi. E ringrazio anche te, mio angelo custode, che mi accompagni ogni giorno nel viaggio di ritorno al Padre celeste. Le tue sante ispirazioni, la continua difesa dai pericoli spirituali e corporali, le tue potenti preghiere presso il Signore sono per me un grande conforto e sicura speranza.

Angelo di Dio...

2. Angelo mio custode, tu che sempre contempli il Signore e che mi vuoi tuo concittadino in cielo, ti prego di ottenermi dal Signore perdono perché tante volte sono stato sordo ai uoi consigli, ho peccato alla tua presenza, tanto poco mi ricordo che sempre mi sei vicino.

Angelo di Dio...

3. Angelo mio custode, fedele e forte in virtù, tu sei uno degli angeli che in cielo, guidati ,la san Michele, vinsero satana e i suoi seguaci. La lotta di un giorno in cielo continua ora sopra la terra: il principe del male e i suoi seguaci sono contro Gesù Cristo, e insidiano le anime.
Prega l'immacolata Regina degli Apostoli per la Chiesa, la città di Dio che combatte contro la città di satana. O san Michele arcangelo, difendici con tutti i tuoi seguaci nella lotta; sii nostra forza contro la malizia e le insidie del demonio. Che il Signore lo soggioghi! E tu, principe della corte celeste, ricaccia nell'inferno Satana e gli altri spiriti maligni che percorrono il mondo per la perdizione delle anime.

Angelo di Dio...

4. O angeli del Paradiso, custodite scrittori, tecnici e propagandisti delle tecniche audiovisive e tutti coloro che le usano. Difendeteli dal male, guidateli nella verità, ottenete loro la vera carità. Chiedete al Signore, per l'apostolato di queste tecniche, le vocazioni necessarie e accompagnatele nella loro delicata missione. Ispirate a tutti di contribuire con l'azione, la preghiera e le offerte all'apostolato della comunicazione sociale. Illuminate, custodite, reggete e governate il mondo delle tecniche audiovisive, perché serva ad elevare il livello della vita presente e a orientare l'umanità verso i beni eterni.

Angelo di Dio...

5. O angeli tutti del Signore, voi siete chiamati a fare nobile corte, dare lode e benedire incessantemente l'augusta Trinità, a riparare alle nostre dimenticanze. Siete i veri amatori di Dio e delle anime e continuate il canto: « gloria a Dio nel cielo altissimo e pace in terra agli uomini di buona volontà ». Vi supplichiamo per l’umanità intera perché conosca il vero e solo Dio, il Figlio da lui inviato e la Chiesa, colonna di verità. Pregate perché sia santificato il nome di Dio, venga il regno di Gesù Cristo e si compia la sua volontà, come in cielo così in terra. Stendete la vostra protezione sopra i governanti, i lavoratori, i sofferenti; ottenete benedizioni e salvezza a tutti quelli che cercano la verità, la giustizia e la pace.

Angelo di Dio...

VENERDI'

AL SACRO CUORE DI GESU'

O Gesù, nostro Maestro io. indegno peccatore, postrato innanzi a te, adoro il tuo cuore, che tanto ha amato gli uomini e nulla ha risparmiato per essi. Io credo al tuo amore infinito per noi. Ti ringrazio dei grandi doni che per amore facesti agli uomini, specialmente: il Vangelo, la Eucaristia la Chiesa, il Sacerdozio, lo Stato Religioso, Maria come madre, la tua stessa vita.

1. O Gesù, Maestro divino, ringrazio e benedico il tuo cuore generosissimo per il grande dono del Vangelo. Tu hai detto: « sono stato mandato a evangelizzare i poveri ». Le tue parole portano la vita eterna. Nel Vangelo hai svelato misteri divini, insegnato la via di Dio con veracità, offerto i mezzi di salvezza. Concedimi la grazia di custodire il tuo Vangelo con venerazione, di ascoltarlo e leggerlo secondo lo spirito della Chiesa e diffonderlo con l'amore con cui tu lo hai predicato. Che esso sia conosciuto, onorato, accolto da tutti! Che il mando conformi ad esso la vita, le leggi, i costumi, le dottrine! Che il fuoco da te portato sopra la terra tutti accenda, illumini, riscaldi. Dolce cuore del mio Gesù, fa' ch'io t'ami sempre più.
2. O Gesù, Maestro divino, ringrazio e bemedico il tuo cuore amorosissimo per il gran dono dell'Eucarestia. Il tuo amore ti fa dimorare nel santo tabernacolo, rinnovare la tua passione nella Messa, darti in cibo alle nostre anime nella Comunione. Che io ti conosca, o Dio nascosto! Che io attinga acque salutari alla fonte del tuo cuore! Concedimi di visitarti ogni giorno in questo sacramento; di comprendere e partecipare attivamente alla santa Messa; di comunicarmi spesso e can le dovute disposizioni. Dolce cuore…

3. O Gesù, Maestro divino, benedico e ringrazio il tuo cuore dolcissimo per il grande dono della Chiesa. Essa è la Madre che ci istruisce nella verità, ci guida nella via del cielo, ci comunica la vita soprannaturale. Essa continua la tua medesima missione salvatrice sopra la terra, come tuo Corpo Mistico. È l'arca della salvezza; è infallibile, indefettibile, cattolica. Concedici la grazia di amarla, come tu l'hai amata e santificata nel tuo sangue. Che il mondo la conosca, che ogni pecorella entri nel suo ovile, che tutti cooperinoumilmente al tuo Regno.

Dolce cuore...

4. O Gesù, Maestro divino, ringrazio e benedico il tuo cuore amantissimo per l'istituzione del Sacerdozio.I sacerdoti sono mandati da te, come tu fosti mandato dal Padre. Ad essi hai consegnato i tesori della tua dottrina, della tua legge, della tua grazia, le anime stesse. Concedimi 1a grazia di amarli, di ascoltarli, di lasciarmi guidare da loro nelle tue vie. Manda buoni operai alla tua messe, o Gesù. Siano i sacerdoti sale che purifica e preserva; siano la luce del mondo; siano la città posta sul monte; siano tutti fatti secondo il tuo cuore; abbiano un giorno in cielo attorno a sé, come corona e gaudio, un largo stuolo di anime conquistate.

Dolce cuore

5. O Gesù Maestro divino, ringrazio e benedico il tuo santissimo cuore per l'istituzione dello Stato Religioso. Come in cielo, così in terra, sono molte le mansioni. Hai scelto i figli della tua predilezione; li hai chiamati alla perfezione evangelica; ti sei fatto loro esempio, loro aiuto, loro premio. Moltiplica, o cuore divino, le vocazioni religiose: sostienile nella fedele osservanza dei consigli evangelici; siano le aiuole più profumate della Chiesa, siano le anime che ti consolano, che pregano, che zelano la tua gloria con ogni apostolato.

Dolce cuore...

6. O Gesù, Maestro divino, ringrazio e benedico il tuo cuore pietosissimo per averci donato Maria SS. come Madre, Maestra e Regina. Dalla croce tu ci hai posti tutti nelle sue mani; le hai dato un gran cuore, una grande sapienza, un grande potere. Che l'umanità intera la conosca, l'ami, la preghi! Che tutti si lascino da lei condurre a te, Salvatore degli uomini! Io mi metto nelle sue mani, come ti sei messo tu. Con questa Madre adesso, nell'ora della mia morte per l'eternità.

Dolce cuore...

7. O Gesù, Maestro divino, ringrazio e benedico il tuo Cuore mitissimo, che ti spinse a dare la vita per me. Il tuo sangue, le tue piaghe, i flagelli, le spine, la croce, il tuo capo inclinato dicono al mio cuore: « Nessuno ama più di chi dà la vita per l'amato ». Il pastore è morto per dare la vita alle pecorelle. Anch'io voglio spendere la mia vita per te; fa' che sempre, in tutto, ovunque, tu possa disporre di me secondo la tua maggior gloria e sempre io ripeta:
« Sia fatta la tua volontà ». Infiamma il mio cuore di santo amore per te e per le anime.

Dolce cuore...


SABATO

ALLA REGINA DEGLI APOSTOLI

1. Amabilissima Regina del cielo e della terra, figlia prediletta del Padre, eccelsa Madre del divin Figlio, inclita sposa dello Spirito Santo,
io venero e lodo quel privilegio unico al mondo, per cui, piacendo al Signore nella tua umiltà e fede, conservando la più illibata verginità, divenisti la grande Madre del divin Salvatore, nostro Maestro, luce vera del mondo, sapienza increata, fonte di ogni verità e primo apostolo delle verità.
Hai dato al mando a leggere il libro: il Verbo eterno. Per il gaudio ineffabile che provasti e per quel privilegio così sublime, benedico l'augusta Trinità e ti prego di ottenermi la grazia della sapienza celeste, di essere umile e fervente discepolo di Gesù, figlio devoto della Chiesa, colonna di verità. Fa' risplendere sui confini più lontani del mondo la luce del Vangelo, sconfiggi gli errori, raduna attorno alla cattedra di Pietro tutti gli uomini. Illumina i dottori, i predicatori, gli scrittori, o Madre del buon Consiglio, o sede della Sapienza, o Regina dei santi.

Regina degli Apostoli, prega per noi.

2. O Maria, Regina degli angeli tutti, piena di grazia, concepita senza macchia, benedetta fra le creature, tabernacolo vivente di Dio, ricorda il doloroso e solenne istante in cui il moribondo Gesù dalla croce ti donò per figlio Giovanni, e in lui tutti gli uomini e specialmente tutti gli apostoli. Quale tenerissima carità inondò in quel momento il tuo cuore per le anime consacrate all'apostolato, alla sequela della croce, all'amore di Gesù. Per i dolori ineffabili tuoi e del tuo divin Figlio, per i1 tuo cuore di Madre, o Maria, accresci la gloriosa schiera degli apostoli, dei missionari, dei sacerdoti, delle vergini. Risplenda in questa schiera la santità della vita, l'integrità dei costumi, la solida pietà, l'umiltà più profonda, la fede più ferma, la carità più ardente. Siano tutti santi, sale purificante della terra e luce del mondo.

Regina degli Apostoli, prega per noi.

3. O Vergine candidissima, augusta regina dei Martiri, stella del mattino, sicuro rifugio dei peccatori, rallegrati per i giorni in cui sedesti Maestra, conforto e Madre degli Apostoli nel cenacolo, per invocare ed accogliere il divin Paraclito, lo Spirito coi sette doni, Amore del Padre e del Figlio, rinnovatore degli apostoli. Per la tua stessa onnipotenza supplichevole, per quelle tue umili ed irresistibili preghiere che commuovono sempre il cuore di Dio, ottienimi la grazia di comprendere il valore delle anime, che Gesù Cristo riscattò dall'inferno col suo preziosissimo sangue. Possa ognuno di noi entusiasmarsi per la bellezza dell'apostolato cristiano; la carità di Cristo ci sospinga, ci commuovano le miserie spirituali della povera umanità. Fa' che sentiamo nel nostro cuore i bisogni della fanciullezza, della gioventù, della virilità, della vecchiaia; che la grande Africa, l'immensa Asia, la promettente Oceania, la travagliata Europa, le due Americhe esercitino un fascino potente sulle nostre anime; che l'apostolato dell'esempio e della parola, della preghiera e della stampa, del cinema, della radio e della televisione, delle anime purganti, conquisti tanti cuori generosi, fino ai più penosi sacrifici; o Madre della Chiesa, o Regina degli Apostoli, o avvocata nostra, a te so, spiriamo, gementi in questa valle di lacrime. Regina degli Apostoli, prega per noi.

4. O nostra tenera Madre Maria, porta del cielo, sorgente di pace e di letizia, aiuto dei cristiani, fiducia dei moribondi e speranza anche dei disperati, io penso al momento fortunato per te in cui lasciasti la terra per volare fra le braccia benedette di Gesù. Fu la predilezione onnipotente di Dio che bella e immortale ti assunse al cielo. Ti vedo esaltata sopra gli angeli e i santi, i confessori e i vergini, gli apostoli e i martiri, i profeti e i patriarchi, e anch'io dal fango delle mie colpe oso unire la voce di un colpevole indegno, ma pentito, per lodarti e benedirti. O Maria, convertimi una buona volta. Dammi una vita penitente, perché possa avere una morte santa e possa un giorno confondere con quella dei santi la mia voce e lodarti in paradiso. Io mi consacro a te e per te a Gesù; rinnovo qui consapevole e alla presenza di tutta la corte celeste, le promesse fatte nel santo battesimo. Ripeto il proposito, che depongo nel tuo cuore, di lottare contro il mio amor proprio e far guerra senza tregua al mio difetto principale, che tante volte mi ha gettato nella colpa. O Maria, procurati 1a gloria più bella, cambia un gran peccatore in un gran santo, o rifugio dei peccatori, o stella del mattino, o consolatrice degli afflitti.

Regina degli Apostoli, prega per noi.

5. O Maria, stella del mare, mia dolce sovrana, nostra vita e regina della pace, quanto fu grande e quanto dolce il giorno in cui l'augusta Trinità ti incoronò regina del cielo e della terra, dispensiera di tutte le grazie, Madre nostra amabilissima: quale trionfo per te! quale felicità per gli angeli, per i santi, per la terra, per il purgatorio! Lo so, o Maria, chi ti ama sarà salvo e chi ti ama tanto sarà santo e parteciperà un giorno al tuo trionfo in cielo. Io non dubito della tua clemenza, né della tua potenza, temo la mia incostanza nel pregarti. Ottienimi la perseveranza, o Maria; sii la mia salvezza. Sento le mie passioni, il demonio, il mondo.

O Maria, tienimi stretto a te ed al tuo Gesù! Non lasciarmi cadere, non ti allontanare un istante, o Madre. È dolce rivolgere a te il primo sguardo al mattino, camminare sotto il tuo manto nel giorno, addormentarmi sotto il tuo sguardo la sera. Tu hai sorrisi per i fanciulli innocenti, robustezza per la gioventù che lotta, luce per la virilità che lavora, conforto per la vecchiaia che attende il cielo. O Maria, a te consacro la vita intera, prega per me adesso e nell'estrema lotta sul letto di morte. Accogli l'anima mia quando sarà spirata e non lasciarmi che quando io potrò prostrarmi al tuo trono in cielo, per amarti tutta l'eternità. Maria, mia regina, mia avvocata, mia dolcezza, ottienimi la santa perseveranza.

Regina degli Apostoli, prega per noi.

 

ATTO DI CONSACRAZIONE A MARIA SS.MA

Io sono tutto tuo, e tutto quanto posseggo te lo offro,
amabile mio Gesù, per mezzo di Maria, tua santissima Madre.

 

Tutta l’esistenza di Don Alberione fu una trama intessuta di azione apostolica e di preghiera, secondo il motto benedettino che gli era familiare, e che tradusse come norma per i suoi: «L’orazione prima di tutto, sopra tutto, vita di tutto» (CISP 97). E come Gesù, ai Dodici che lo supplicavano di insegnare loro a pregare, propose la formula del "Padre nostro", così Don Alberione – vivendo intensamente egli stesso la preghiera – la insegnò ai suoi, tramite formule ritenute veicoli concreti di uno spirito, "contenitori" di un deposito destinato a durare. Le preghiere che qui riportiamo (tratte da "Le preghiere della Famiglia Paolina", Roma 1998) sono un piccolo campione delle formule esprimenti la sua fede in Dio, la sua devozione alle persone di Cristo, di Maria, di San Paolo, e lo spirito che egli intendeva trasfondere.

 
Share |